Damian Lillard mette il microfono sullo storico gioco di performance da 60 punti di Jazz

PORTLAND — La guardia dei Portland Trail Blazers ha segnato 60 punti per la quarta volta nella sua carriera durante la vittoria di mercoledì 134-124 sugli Utah Jazz. Damiano Lillard Ha fatto la storia con il suo talento.

Lillard ha avuto bisogno di 29 tentativi di tiro e 10 tentativi di tiro libero per segnarne 60, mettendolo in compagnia d’élite. Altri due giocatori (Carlo Mallone con 26 nel 1990, e James Harden (con 24 nel 2019) hanno segnato 60 punti su meno tentativi di tiro, ma entrambi hanno segnato una percentuale più alta dei loro punti sulla linea di fallo, realizzando 23 tiri liberi ciascuno.

Nel frattempo, solo un giocatore ha segnato 60 punti (Rick Barry (1974, con cinque) in meno di 10 tentativi di tiro libero. A causa di quelle opportunità limitate, Lillard ha registrato una vera percentuale di tiri – una misura dell’efficienza combinata dei tentativi di tiro e dei tiri liberi – in una partita da 60 punti (0,898).

“È incredibile, amico”, ha detto l’allenatore dei Blazers Chauncey Billups. “Non lo vedi molto spesso, dover essere efficiente. Per un ragazzo avere 60 punti e fare solo 10 tiri liberi e farne nove, pensi, i 3 sono ridicoli per questo ragazzo. Era incredibile quanto fosse efficiente era.”

In effetti, Lillard ha realizzato nove triple, il secondo in una partita da 60 punti nel gennaio 2020 dietro al suo totale di 11. Ha tirato il 72% (21-29) in totale, il sesto miglior gioco da 60 punti.

Poiché di solito non controlla il telefono fino a quando non ha lasciato l’arena, Lillard non sapeva che la sua notte da 60 punti fosse storica fino a quando i media non glielo hanno detto dopo la partita.

“È un gioco da 60 punti abbastanza efficiente, davvero?” disse Lillard. “È pazzesco. Non lo so. Sono seduto qui pensando di aver fatto un tiro alla fine del cronometro dei 24′ da metà campo fino alla fine. Forse sarebbe stato un po’ meglio. Ho sbagliato un tiro libero. Dannazione.”

Le prime fasi del gioco hanno dato poche indicazioni che Lillard sarebbe entrato nei libri dei record. Aveva solo nove punti nel primo quarto prima di diventare caldo. Lillard ha segnato 17 punti nel secondo quarto ed era a 30 per la partita quando è esploso alla fine del terzo quarto.

A partire dal 6:42 del terzo, Lillard ha segnato gli ultimi 20 punti di Portland nel periodo, tirando 7 su 9 dal campo con tre triple in quell’intervallo. Secondo ESPN Stats and Information Research, è il terzo giocatore in questa stagione a segnare 20 punti consecutivi per la sua squadra, nonché il secondo giocatore a raggiungere 50 punti in tre quarti. (Devin Booker Un altro dei Phoenix Suns.)

In particolare, Billups dovrà essere determinato a mantenere Lillard in gioco durante quel tratto.

“Era stanco nel terzo finale e ho pensato che fosse davvero caldo”, ha detto Billups. “Sono arrivato al timeout e ho detto: ‘Come stai? Volevo davvero che tu fossi qui negli ultimi due minuti.’ medico di famiglia (Gary Payton II) Tutti hanno detto: ‘No, lascialo andare!’ Ho detto, amico, questo potrebbe essere un bel gioco alla fine. Non voleva scoraggiarsi perché ha ottenuto 45, 50, ha detto: “Sto bene, sto bene”. Devo fidarmi dei ragazzi in quei momenti”.

READ  Il nuovo leak del Galaxy S23 mostra le immagini di marketing ufficiali di Samsung

Nonostante l’eroicità di Lillard, i Jazz sono stati in grado di rimanere a una distanza notevole, consentendo a Lillard di tornare al gioco e avvicinarsi ai suoi 62 punti. Ha raggiunto 60 per la quarta volta nella sua carriera con un paio di tiri liberi a 1:37 dalla fine, ma non ha tentato un tiro sui successivi due possedimenti dei Blazers. Fu allora che Billups gli ricordò le azioni.

“Ecco perché l’ho messo in gioco”, ha detto Billups. “Lo avrei portato fuori. Quando l’ho fermato, gli ho detto: ‘Fratello, cosa stai facendo?’ Avrebbe ottenuto il posto che meritava. Parla a chi è. Non ci ha nemmeno pensato a proposito.”

Nella trasferta di Portland, Lillard ha tirato una profonda tripla prima che lo Utah lo raddoppiasse, ma ha mancato. Quando i Blazers hanno riguadagnato il possesso con pochi secondi sul cronometro, Lillard ha concesso l’inseguimento.

“C’era ancora tempo, ma con così tanto tempo rimasto nel gioco non avrei avuto sete di tornare giù e avere una carriera”, ha spiegato. “Non pensavo fosse la cosa giusta da fare, quindi è finita.”

Lillard è a pari merito per il secondo maggior numero di punti nella NBA in questa stagione. Donovan Mitchell Il 3 gennaio, ha segnato 71 in una partita di straordinario per Cleveland contro Chicago Luca Doncic Ha segnato 60 punti nella vittoria OT di Dallas su New York il 27 dicembre.

Si unisce al gruppo come quinto giocatore nella storia della NBA a segnare 60 punti almeno quattro volte. Wilt Chamberlain (32), Kobe Bryant (6), James Harden e Michael Jordan (4 ciascuno), Lillard è in una posizione rara per eguagliare un gioco del genere. Per lui la partita di mercoledì si è distinta per la sua semplicità.

READ  Guida definitiva per acquistare una android tv box nel 2022 - I migliori 40 compilati!

“È molto semplice”, ha detto. “Non voglio dire che sia stato facile perché avevano dei corpi grossi e dei difensori lunghi, ma penso che di solito non faccio quelle semplici giocate e non entro in un solco in cui le squadre iniziano ad entrare. Subito dopo di me.

“Lo stavo calciando davanti e lo stavo oscillando in modo che non mi sembrasse che fossero dietro di me fino alla fine. Ecco perché sembrava molto più facile di tutti loro”.

Sebbene Lillard sia il terzo giocatore più anziano a raggiungere i 60 punti all’età di 32 anni, secondo ESPN Stats & Info, ha la possibilità di continuare ad aumentare il suo totale. È già impressionato dalla rara compagnia a cui si è unito mercoledì.

“Non mi piace Wilt”, ha detto Lillard. “È fuori. Dannazione, fa freddo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply