I ministri dell’Energia dell’UE tengono colloqui di crisi dopo il taglio del gas russo

BRUXELLES (Reuters) – Lunedì i ministri dell’Energia dell’Unione europea terranno colloqui di emergenza mentre il blocco si affretta a una risposta unitaria alla richiesta di Mosca che gli acquirenti europei paghino per il gas russo in rubli o affrontino interruzioni dell’approvvigionamento.

La scorsa settimana la Russia ha interrotto le forniture di gas a Bulgaria e Polonia dopo che si erano rifiutate di soddisfare le sue richieste di pagamento effettivo in rubli.

Quei paesi hanno già pianificato di smettere di usare il gas russo quest’anno e affermano di poter gestire la chiusura, ma hanno espresso preoccupazioni sul fatto che altri paesi dell’Unione europea, inclusa la Germania, la potenza economica europea dipendente dal gas, possano essere i prossimi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I civili evacuati da Mariupol in Ucraina, in Russia, hanno rinnovato i bombardamenti

La rivista ucraina racconta l’orrore nei bunker dell’Azovstal

Jill Biden incontra i rifugiati ucraini in Romania e Slovacchia

Come la tecnologia militare raggiunge la Russia in violazione dei controlli sulle esportazioni statunitensi

Ha anche minacciato di dividere il fronte unito dell’Unione europea contro la Russia in mezzo al disaccordo sulla corretta linea d’azione.

Con diverse società europee che devono affrontare scadenze per il pagamento del gas alla fine di questo mese, i paesi dell’UE hanno urgente bisogno di chiarire se le aziende possono continuare ad acquistare carburante senza violare le sanzioni dell’UE contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina.

Mosca ha detto che gli acquirenti di gas stranieri dovrebbero depositare euro o dollari in un conto presso la Gazprombank di proprietà privata russa, che li convertirebbe in rubli.

READ  La guerra Ucraina-Russia: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

La Commissione europea ha detto ai paesi che il rispetto dello schema russo potrebbe violare le sanzioni dell’UE, suggerendo anche che i paesi potrebbero effettuare pagamenti conformi alle sanzioni se dichiarano che il pagamento è stato completato una volta pagato in euro e prima che venga convertito in rubli.

Dopo aver esortato la scorsa settimana Bulgaria, Danimarca, Grecia, Polonia, Slovacchia e altri paesi a fornire consigli più chiari, Bruxelles sta lavorando per creare ulteriori orientamenti.

La Russia ha dichiarato venerdì di non aver riscontrato alcun problema con il suo decreto, che ritiene che l’obbligo dell’acquirente sia stato adempiuto solo dopo aver convertito la valuta forte in rubli.

Mentre la Bulgaria e la Polonia si sono rifiutate di essere coinvolte nel programma di Mosca, la Germania ha ripetuto lo scioglimento della Commissione per consentire alle società di pagare e l’Ungheria ha affermato che gli acquirenti potrebbero impegnarsi con il meccanismo della Russia. Leggi di più

I pagamenti in rubli potrebbero aiutare a proteggere l’economia russa dall’impatto delle sanzioni, mentre le entrate del carburante potrebbero aiutare a finanziare quella che viene definita un’operazione militare speciale.

Il Center for Research on Energy and Clean Air ha rilevato che i paesi dell’Unione Europea hanno pagato più di 45 miliardi di euro (47,43 miliardi di dollari) alla Russia per gas e petrolio da quando ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio.

La Russia fornisce il 40% del gas dell’UE e il 26% delle sue importazioni di petrolio, il che significa che la Germania e altri paesi hanno finora resistito alle richieste di un arresto improvviso delle importazioni russe di carburante per paura di danni economici.

READ  L'Unione Europea può offrire a Ungheria e Slovacchia esenzioni dall'embargo petrolifero russo

L’Unione europea è diretta verso il divieto delle importazioni russe di petrolio entro la fine dell’anno, hanno affermato i diplomatici, dopo i colloqui tra la Commissione e le nazioni dell’UE nel fine settimana prima degli incontri di questa settimana.

Nella riunione di mercoledì, gli ambasciatori discuteranno del sesto pacchetto di sanzioni dell’UE contro Mosca che la Commissione sta elaborando.

Lunedì i ministri discuteranno anche della necessità di garantire urgentemente forniture di gas non russo e riempire lo stoccaggio, mentre i paesi si preparano a shock di approvvigionamento.

La dipendenza dal gas russo varia tra i paesi, ma gli analisti hanno affermato che un arresto completo immediato del gas russo farebbe precipitare i paesi, inclusa la Germania, nella recessione e richiederebbe misure di emergenza come la chiusura di fabbriche per contrastarla.

I diplomatici hanno affermato che Austria, Ungheria, Italia e Slovacchia avevano riserve durante il fine settimana sull’idea di un embargo petrolifero.

Entro la fine del mese, la Commissione svelerà i piani per porre fine alla dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili russi entro il 2027, anche espandendo le energie rinnovabili e ristrutturando gli edifici per consumare meno.

(1 dollaro = 0,9488 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di John Chalmers e Barbara Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply