I resti dei soldati uccisi nella battaglia di Waterloo sono stati trovati nella soffitta belga



Cnn

Si ritiene che le ossa appartenessero a soldati uccisi Battaglia di Waterloo È stato scoperto in su di lui in Belgio.

Gli scienziati stanno ora analizzando i resti umani nel tentativo di saperne di più sull’identità di coloro che sono morti.

La battaglia ebbe luogo vicino al villaggio di Waterloo, a sud di Bruxelles, il 18 giugno 1815. Napoleone Bonaparte fu infine sconfitto qui dall’esercito alleato combinato di 68.000 uomini del duca di Wellington, assistito da 45.000 prussiani sotto il comando di Gebhard von Blucher.

Mentre si ritiene che oltre 10.000 uomini siano morti durante la battaglia, sono stati scoperti solo due corpi.

Gli storici hanno recentemente rivelato che molti di coloro che caddero a Waterloo furono successivamente scavati dagli agricoltori, che vendettero i loro resti all’industria dello zucchero per essere utilizzati nel processo industriale.

Lo scorso novembre, Bernard Wilkin, un ricercatore senior presso gli archivi di stato belgi, era a Waterloo per tenere una conferenza sul processo – in cui le ossa sono usate come una sorta di carbone per raffinare lo zucchero – quando è successo qualcosa di sorprendente.

Dopo il discorso, ha detto alla CNN: “Questo vecchio è venuto da me e ha detto: ‘Dr. Wilkin, ho le ossa di quei prussiani in soffitta.”

L’uomo, che ha chiesto di non essere identificato, ha mostrato a Welkin le foto delle ossa e lo ha invitato a casa sua vicino al campo di battaglia di Blanquinet, dove le forze di Napoleone affrontarono i prussiani.

Pochi giorni dopo, Wilkin visita l’uomo a casa sua e si trova faccia a faccia con i resti dell’uomo degli anni ’80. Spiegò che all’epoca gestiva un “piccolo museo privato” e un amico che l’aveva trovato diversi anni prima glielo diede da esporre.

Nonostante sia un collezionista di cimeli di Napoleone, l’uomo dice a Welkin che non può convincersi “eticamente” a mostrare i resti, quindi li conserva nella sua soffitta.

“Improvvisamente decise che era vecchio e che sarebbe potuto morire nei prossimi anni e aveva paura di cosa sarebbe successo alle ossa”, ha detto Wilkin dell’uomo che viveva da solo. Quando ha visto il giornale che abbiamo pubblicato la scorsa estate, ha pensato: “Questo ragazzo conosce le ossa e le guerre napoleoniche e lavora per il governo”.

I teschi trovati nella seconda gamma sono in diversi frammenti.

Wilkin ha detto di aver provato “un misto di sorpresa ed emozione” quando ha visto i resti.

“Uno dei teschi era stato gravemente danneggiato dalla spada o dalla lancia, quindi è stato un modo molto brutale di morire”, ha detto.

I test preliminari hanno rivelato che i resti di almeno quattro soldati. Gli oggetti trovati vicino alle ossa, compresi i bottoni di pelle e osso, così come il luogo in cui sono stati scoperti, indicano che alcuni dei morti erano soldati prussiani.

Wilkin ha detto: “Alla fine della giornata mi ha dato tutte le scatole da studiare. Una delle sue richieste era di dar loro una sepoltura dignitosa”.

Questo è certamente il piano, ma per ora i resti sono sottoposti a approfonditi test forensi a Liegi, dove ha sede Welkin. Gli scienziati sperano di estrarre il DNA nel tentativo di identificare i morti. Sperano anche di eseguire ricostruzioni facciali di almeno uno dei teschi.

Rob Schaeffer, uno storico militare tedesco, lavora con Welkin nel tentativo di saperne di più sui soldati, contattando anche la Commissione tedesca per le tombe di guerra.

Ha detto alla CNN: “Quello che mi ha colpito di più è stato il fatto che se guardi l’arte del XIX secolo, dove è raffigurato il conflitto, è tutto molto interessante e astratto. Come osservatore casuale potresti avere l’impressione che non lo fosse così male, ma questo particolare teschio che ha avuto un enorme shock facciale che rappresenta per la prima volta quanto sia stata violenta una vita in realtà.

Schafer ha detto alla CNN che c’è una probabilità del 20-30% che il DNA venga estratto dai resti.

“È un azzardo, ma se ci riusciremo, il prossimo obiettivo è caricare il DNA nei database in modo che le persone possano fare domanda se risultano imparentate”, ha affermato.

Dopo aver incontrato Bones in soffitta, un’altra sorpresa era in serbo per Wilkin.

“Quando ero in visita”, ha detto, “l’uomo mi ha detto ‘A proposito, ho un altro amico che potrebbe aver avuto quattro soldati britannici che ha scoperto mentre stava rilevando metalli vicino a Tal al-Assad (sul campo di battaglia )'”.

“Sono rimasto sorpreso, questo è davvero pazzesco.”

Queste ossa sono state successivamente esaminate da Dominique Bosquet, un archeologo della Walloon Heritage Agency, ha detto Wilkin alla CNN. Da allora sono stati trasferiti a Bruxelles, dove Bosquet e un team del Museo di Storia Naturale e dell’Università di Bruxelles li stanno studiando.

Le scoperte hanno portato Wilkin e i suoi colleghi a sospettare che più persone che vivono vicino al campo di battaglia potrebbero avere scheletri nei loro armadi.

“È assolutamente chiaro che dobbiamo parlare con le persone che vivono lì da generazioni”, ha detto, aggiungendo: “Siamo assolutamente fiduciosi che più ossa debbano essere restituite alle autorità belghe”.

READ  La giunta militare birmana trasforma il processo di Aung San Suu Kyi in una prigione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply