Il rap batte il Super Bowl all’intervallo, bilanciando celebrazione e protesta

In vista dell’intervallo del Super Bowl di domenica, c’era molto rumore per il fatto che questo sarebbe stato il suo primo anno. La musica hip-hop è stata protagonista del concerto. Era una versione di marketing che trascurava l’evidente ritardo nel completamento: il rap è finalmente venuto alla luce nel forse ventesimo anno dell’hip-hop che ha preso il centro della musica pop americana. Il progresso di questo ritardo è ancora considerato una svolta?

Dopo diversi anni alle prese con una varietà di controversie razziali, la NFL probabilmente voleva il merito di aver caratterizzato la musica nera – in particolare l’hip-hop, la lingua franca della cultura pop americana – e questo in modo così evidente. Cosa farebbero alcune delle superstar del rapper – Dr. Dre, Eminem, Snoop Dogg, Kendrick Lamar – giganti con poca paura per la loro reputazione, con queste piattaforme più visibili?

Le storie raccontate al SoFi Stadium domenica sera sono state stratificate, una performance dinamica che si estendeva su una trincea di potenziali mine antiuomo politiche. Nel complesso, c’era un copioso intrattenimento, un mix di canzoni che erano così centrali nella musica pop americana da respingere praticamente l’opposizione.

Il Dr. Dre ha aperto lo spettacolo dietro un finto mixer, un cenno alla radice della sua fama: la capacità di controllare il volume. Nei successivi 12 minuti seguirono successi brillanti e audaci, tra cui “The Next Episode”, una collaborazione cablata tra il Dr. Dre e Snoop Dogg, vestito con una tuta blu. “Love in California” (consegnato misericordiosamente senza un ologramma di Tupac Shakur, come alcuni hanno detto); L’Eminem Stadium suona “Loose Yourself”; L’esuberante e orgoglioso Lamar “Okay”; E un paio di canzoni di Mary J. Blige, l’unico cantante in cartellone.

Appeso a testa in giù dal soffitto del gruppo, 50 Cent è stato un ospite non annunciato e ha eseguito la sua canzone di successo “In Da Club”, una delle produzioni principali del Dr. Dre. (Questo è stato quasi certamente lo spettacolo a due tempi più silenzioso di sempre.)

READ  Il compleanno di Paul McCartney: Ringo Starr invia un toccante messaggio per il compleanno dei Beatles

Le prestazioni sono state quasi uniformemente eccellenti. Lamar fu sorpreso: il liquido scorreva di estasi, muovendo il suo corpo con forza frastagliata. Fiducioso fino all’estremo, Snoop Dogg è un veterano del comfort ad alta pressione. Eminem, isolato come sempre, emette ancora forte tensione. Blige era il protagonista, aiutando a mettere a fuoco il segmento centrale dello show al rallentatore con “Family Affair” e “No More Drama” viola ricchi di dolore. E il Dr. Dre era sempre allegro, un maestro che controllava il bottino di decenni trascorsi a rimodellare l’aspetto e l’atmosfera della musica pop.

Ma le vere battaglie di questo spettacolo dell’intervallo sono state tra entusiasmo e ridicolo, censura e protesta, amplificando gli artisti neri a questo punto e soffocando le voci nere in varie fasi della protesta anti-NFL solo due settimane prima, lo era la NFL. Causa intentata dall’ex allenatore dei Miami Dolphins Brian Flores che ha affermato di aver affrontato pratiche di assunzione discriminatorie.

Scandito come un’oasi di cortesia razziale se non del tutto progressista, questo spettacolo del primo tempo è stato il terzo messo in scena come parte del Partnership tra la NFL e Jay-ZSocietà di sport e intrattenimento, Roc Nation, che è stata maltrattata sulla scia delle proteste inginocchiate di Colin Kaepernick nel 2016.

“È pazzesco che ci sia voluto così tanto per conoscerci”, ha detto il dottor Dre alla conferenza stampa ufficiale del gioco la scorsa settimana, sottolineando che la NFL ha essenzialmente scelto di aspettare che l’hip-hop fosse vecchio – a parte Lamar, tutti I Sunday Artists hanno avuto il loro periodo di massimo splendore commerciale e creativo per più di un decennio, per darle il controllo completo del suo palcoscenico più grande.

READ  Sidney Sweeney's Hoedown Party per l'ala destra marchiata della madre, MAGA-Leaning

La NFL è nota per la protezione del suo territorio e gli incidenti durante lo spettacolo dell’intervallo – un malfunzionamento del guardaroba di Janet Jackson, il dito medio di MIA – hanno causato un enorme tumulto pubblico. La pausa potrebbe essere una delle ultime fasi in questo paese in cui l’hip-hop sembra ancora musica straniera, amplificando la sensazione che gli interessi della lega e degli artisti potrebbero non essere del tutto allineati.

L’evento di quest’anno si è tenuto anche a South Los Angeles, a soli 20 minuti a ovest di Compton, dove il Dr. Dre è stato il fondatore della NWA, uno dei più importanti gruppi hip-hop di tutti i tempi, padrino di gangster e leggende pop. . Compton è stato incorporato nell’ambientazione del palcoscenico: gli edifici includevano la segnaletica per le sue varie attrazioni, tra cui Tam’s Burgers, Dale’s Donuts e la discoteca Eve After Dark, dove il dottor Dre si esibiva con il suo primo gruppo, World Class Wreckin’ Cru. I balli, dalle passeggiate con le crepes al crumping, erano speciali di Los Angeles. Tre Chevrolet Impala vintage erano cenni visivi alla cultura bassa. Lamar ha eseguito il suo segmento su un’enorme fotografia aerea della città.

Ognuno di questi gesti è apparso prominente e potente, un modo per far sentire questo evento globale impossibile molto locale. Ma non era chiaro se lo spirito politico ribelle che era un segno distintivo dell’hip-hop quando il dottor Dre era ancora un membro della NWA sarebbe apparso anche durante lo spettacolo.

Poche ore prima dell’inizio del gioco, notizie interessanti menzionato Che Eminem, l’unico interprete bianco nello show, avesse suggerito di inginocchiarsi durante il set ed è stato rifiutato dalla NFL. Sembrava un aggeggio prefabbricato, il tipo di perdita progettata per essere semplicemente sgonfiata.

E così c’era Eminem, che cantava “Opportunity Comes Once in a Lifetime” alla fine di “Lose Yourself”, con la mano destra sulla testa, e seduto sul ginocchio sinistro mentre il dottor Dre era appollaiato su un pianoforte bianco e picchiettava per una melodia familiare di “I’m not Crazy in Cha” di Tupac – un lampo di radicalismo e un sussulto di eleganza, una ritirata e un abbraccio, un implicito pugno alzato e una strizzatina d’occhio. Dopo la fine dello spettacolo, ha detto un portavoce della NFL Egli ha detto Quella lega sa sempre che Eminem si inginocchierà. E protesta ancora se viene firmato e approvato?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply