Il rapporto sui lavori di aprile è rimasto stabile al 3,6%.

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

I datori di lavoro statunitensi hanno aggiunto 428.000 posti di lavoro ad aprile, chiudendo un anno di forte crescita, aggiungendo più carburante a una già forte ripresa. Il Dipartimento del Lavoro ha dichiarato venerdì che il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al minimo pandemico del 3,6%.

Il mercato del lavoro ha aggiunto più di 6,5 milioni di posti di lavoro l’anno scorso ed è sulla buona strada per tornare ai livelli pre-pandemia quest’estate, anche se gli economisti affermano che ci sono segnali che questa serie record di guadagni occupazionali stia iniziando a moderarsi. Il numero di persone che lavorano o cercano lavoro, ad esempio, è diminuito di 363.000 ad aprile dopo sei mesi di guadagni. La crescita salariale media è leggermente rallentata allo 0,3 per cento dallo 0,4 per cento del mese precedente.

“Questa è stata un’eccezionale ripresa del lavoro, ma questo tipo di crescita non può andare avanti per sempre, soprattutto ora che la disoccupazione è così bassa”, ha affermato Scott Anderson, capo economista presso la Bank of the West di San Francisco. “È difficile trovare persone che tornino nel mercato del lavoro, anche se stai pagando stipendi più alti”.

Ad aprile, i maggiori guadagni si sono concentrati nei settori del tempo libero e dell’ospitalità, della produzione, dei trasporti e del magazzino, poiché le aziende hanno cercato di tenere il passo con la domanda costante di beni e servizi da parte dei consumatori.

La rapida ripresa del mercato del lavoro è stata una pietra angolare della ripresa dalla pandemia e un importante vantaggio politico dell’amministrazione Biden, sebbene la forza lavoro sia rimasta depressa a causa di una serie di fattori, tra cui pensionamento e assistenza. I datori di lavoro hanno raggiunto un’apertura record di 11,5 milioni a marzo, quasi il doppio del numero di persone in cerca di lavoro, secondo un rapporto del Dipartimento del lavoro pubblicato all’inizio di questa settimana.

READ  L'epidemia di coli associata ai ristoranti di Wendy's ha infettato 97 persone in 6 stati

Le opportunità di lavoro hanno stabilito nuovi record, mentre 4,5 milioni di americani hanno lasciato o cambiato lavoro a marzo, riflettendo la forza del mercato del lavoro.

Questa forza continua ha consentito alla Federal Reserve di intraprendere un’azione aggressiva per frenare l’inflazione. Banca centrale ha alzato il suo prezzo standard Questa settimana è aumentato di mezzo punto percentuale, il più grande aumento dal 2000, nella speranza di calmare l’economia senza farla precipitare in recessione.

“Dobbiamo fare tutto il possibile per ripristinare prezzi stabili nel modo più rapido ed efficace possibile”. Il presidente della Federal Reserve Jerome H. Powell Mer ha detto. “Pensiamo di avere buone possibilità di farlo senza un enorme aumento della disoccupazione o un forte rallentamento”.

Tuttavia, vi sono segnali di crescente incertezza. economia statunitense inaspettatamente ridotto All’inizio del 2022, in gran parte a causa dell’ampliamento dei divari commerciali e della riduzione degli acquisti di scorte. L’inflazione rimane al livello più alto degli ultimi 40 anni. I prezzi delle azioni – che sono balzati a livelli record durante la pandemia – sono crollati nell’ultima settimana, tra i rinnovati timori di una possibile recessione quest’anno o il prossimo.

“Siamo a un punto strano del ciclo in questo momento, in cui non è del tutto chiaro in quale direzione stiano andando le cose”, ha affermato Liz Ann Saunders, capo analista degli investimenti di Charles Schwab. “Ovviamente è un ambiente di mercato volatile e stiamo iniziando a vedere alcuni ritiri in modi diversi”.

Le principali aziende, tra cui Wells Fargo, hanno iniziato a licenziare i lavoratori nelle ultime settimane e altre, tra cui Amazon, hanno affermato di essere dipendenti in esubero, Più confusione sulle prospettive di lavoro. (Il fondatore di Amazon Jeff Bezos possiede il Washington Post.) Complessivamente, i datori di lavoro statunitensi hanno annunciato più di 24.000 posti di lavoro ad aprile, un aumento del 14% rispetto al mese precedente, secondo i numeri pubblicati questa settimana dalla società di reclutamento in outsourcing Challenger, Gray & Christmas.

READ  Futures Dow: il rally del mercato raggiunge il livello chiave

Il mercato del lavoro mancava ancora di 1,2 milioni di posti di lavoro prima della pandemia, sebbene molti settori abbiano compensato le recenti perdite. Trasporti e magazzini, ad esempio, e servizi professionali e commerciali hanno circa 700.000 dipendenti in più rispetto a febbraio 2020.

Il nuovo problema occupazionale di Amazon: cosa fare con troppi lavoratori

Ristoranti, bar e hotel stanno lottando per recuperare il ritardo dopo i licenziamenti diffusi all’inizio della pandemia. Il settore del tempo libero e dell’ospitalità sta aggiungendo rapidamente posti di lavoro, sebbene rimanga in calo di 1,4 milioni di posti di lavoro, ovvero l’8,5% della sua forza lavoro, rispetto ai livelli pre-pandemia.

Il settore del tempo libero e dell’ospitalità ha guidato la ripresa, ma c’è stato un certo rallentamento. “I salari non sono alti come in altri settori e le persone sono riluttanti a tornare ea rimanere in quei lavori”, ha affermato Nella Richardson, capo economista presso l’ADP Research Institute. “Qui è dove si vedono le offerte di lavoro più alte e il fatturato più alto, in termini di dimissioni”.

Lou Salama, che possiede 10 paninoteche a Jacksonville, in Florida, dice che non riesce a trovare abbastanza lavoratori per mantenere l’attività senza intoppi.

Inizia a chiudere con due ore di anticipo, alle 18:00, e spesso deve chiudere parti dei suoi ristoranti anche prima se è a corto di personale. Ha aumentato lo stipendio a circa $ 12,50 l’ora e ha iniziato a offrire bonus settimanali e mensili ai suoi 150 lavoratori, ma è ancora a corto di circa 50 lavoratori.

“È molto difficile trovare aiuto e ancora più difficile da mantenere”, ha affermato Salama, proprietario di Sheik Sandwiches and Subs. “I salari sono ai massimi storici. Ad essere onesti, stiamo offrendo vantaggi e bonus, ma non ha influito. Sembra semplicemente impossibile”.

READ  Anshu Jain, ex CEO della Deutsche Bank, muore a 59 anni

Milioni di persone si sono ritirate presto durante la pandemia. Nuovi dati mostrano che molti di loro sono tornati al lavoro.

Sebbene i redditi medi siano aumentati del 5,5% nell’ultimo anno, questi guadagni sono stati spazzati via dall’inflazione, che è aumentata dell’8,5% nello stesso periodo. Questa erosione del potere d’acquisto è peggiorata negli ultimi mesi, poiché i guadagni orari sono diminuiti del 2,7% ad aprile, se adeguati all’inflazione.

Ma per molti lavoratori un mercato del lavoro rigido continua a rivelarsi vantaggioso.

Leah Koch, che vive vicino a Chicago, ha recentemente lasciato il suo lavoro di 11 anni nel settore radiofonico per assumere una posizione in una società di marketing digitale. È successo tutto rapidamente: Koch ha presentato domanda all’inizio di aprile, l’ha intervistata una settimana dopo e ha ricevuto un’offerta di lavoro meno di 24 ore dopo.

“Era così facile che pensavo, ‘Wow, doveva essere'”, ha detto il 41enne. “Mi sento di nuovo vivo”.

Koch guadagna il 33% in più rispetto al suo lavoro precedente, non ricevendo un aumento da otto anni.

“Non c’era la paga per gli straordinari, ma continuavano ad accumularsi nel mio piatto”, ha detto. “Finalmente, a gennaio, ho detto: ‘Devo trovare qualcosa di nuovo’. E sono così felice di averlo fatto”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply