Le prospettive economiche globali diminuiscono mentre la guerra e le epidemie gettano le loro ombre

WASHINGTON – L’economia mondiale è entrata in un periodo di grande incertezza poiché lo scoppio di una pandemia volatile e le ricadute della guerra russa in Ucraina hanno spinto al rialzo l’inflazione e hanno pesato su una già fragile ripresa globale.

Queste sfide contrastanti devono affrontare i responsabili politici e i banchieri centrali negli Stati Uniti e in Europa mentre cercano di ridurre l’inflazione senza rallentare la crescita al punto che le loro economie scivolino in recessione. La scorsa settimana, le organizzazioni internazionali e i gruppi di riflessione hanno iniziato ad abbassare le loro previsioni di crescita e commercio mentre valutano l’interruzione della guerra alle forniture globali di energia, cibo e materie prime, nonché le chiusure radicali in Cina per contenere la rinnovata epidemia di coronavirus.

Martedì il Fondo monetario internazionale ha sottolineato la debolezza dell’economia globale, che ha affermato nel suo World Economic Outlook che la produzione globale dovrebbe rallentare quest’anno al 3,6%, dal 6,1% nel 2021. Ha previsto una crescita a gennaio del 4,4 per cento quest’anno.

“Le prospettive economiche globali sono peggiorate drasticamente, in gran parte a causa dell’invasione russa dell’Ucraina”, ha affermato Pierre-Olivier Gorenchas, capo economista del Fondo monetario internazionale, in una conferenza stampa martedì. “Questa crisi si sta svolgendo perché l’economia globale non si è ancora completamente ripresa dalla pandemia”.

Preoccupazioni economiche Un argomento centrale per i responsabili politici che si riuniscono a Washington questa settimana per le riunioni di primavera del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale.

Gli incontri offriranno agli Stati Uniti l’opportunità di mostrare la loro solidarietà ai funzionari ucraini che parteciperanno e di dimostrare che la Russia rimarrà isolata sulla scena internazionale finché la sua invasione continuerà.

Il segretario al Tesoro Janet L. Yellen prevede di partecipare a una sessione di apertura mercoledì che vedrà la partecipazione del ministro delle finanze ucraino mentre gli Stati Uniti cercano di schierarsi con i loro alleati nell’opporsi all’invasione russa, ha affermato un funzionario del Tesoro. La signora Yellen non parteciperà ad alcune sessioni del G-20, come quelle sull’architettura finanziaria internazionale e la finanza sostenibile, se i russi parteciperanno.

L’impatto della guerra russa sull’economia globale dominerà gli incontri.

Gorinchas ha affermato che la guerra sta rallentando la crescita e stimolando l’inflazione, che ha descritto come un “pericolo chiaro e presente” per molti paesi. Ha aggiunto che le interruzioni delle forniture russe di petrolio, gas e minerali, insieme alle esportazioni ucraine di grano e mais, si diffonderebbero sui mercati delle materie prime e nell’economia globale “come onde sismiche”.

Ha riconosciuto che il corso dell’economia globale sarebbe dipeso dall’andamento della guerra e dalla portata finale delle sanzioni che gli Stati Uniti ei loro alleati in Europa e in Asia avevano imposto alla Russia.

READ  Musk prende il 9% del capitale di Twitter per diventare il maggiore azionista e inizia a votare sul pulsante di modifica

“L’incertezza attorno a queste previsioni è significativa, ben oltre il normale intervallo”, ha affermato Gourinchas. “La crescita potrebbe rallentare ulteriormente mentre l’inflazione potrebbe superare le nostre aspettative, ad esempio, se le sanzioni si estendessero alle esportazioni di energia russe”.

L’Ucraina e la Russia stanno affrontando le peggiori conseguenze economiche della guerra. Il Fondo monetario internazionale prevede che l’economia ucraina si contrarrà del 35% quest’anno, mentre l’economia russa dovrebbe contrarsi dell’8,5%. Gourinchas ha osservato che le autorità russe sono state finora in grado di contenere il collasso del loro sistema finanziario ed evitare i fallimenti bancari, ma che ulteriori sanzioni contro il suo settore energetico potrebbero avere un impatto maggiore sulla sua economia.

Gorinchas ha affermato che le sanzioni russe imposte dall’America e dai suoi alleati sono il principale fattore che contribuisce alla revisione al ribasso delle prospettive di crescita globale del FMI, aggiungendo che l’inasprimento delle restrizioni alle esportazioni di energia russe presenterebbe uno “scenario opposto” che rallenterebbe ulteriormente la produzione intorno a il mondo.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che gli aumenti dei prezzi in tutto il mondo non mostrano segni di cedimento, anche se i problemi della catena di approvvigionamento si attenuano. Si prevede che l’inflazione rimarrà elevata per tutto l’anno, prevista al 5,7% nelle economie avanzate e all’8,7% nei mercati emergenti.

Le organizzazioni internazionali e altri gruppi di ricerca hanno abbassato le loro aspettative. Al Peterson Institute for International Economics, un think tank di Washington, economisti anticipazione La crescita globale diminuirà rapidamente dal 5,8% nel 2021 al 3,3% annuo nel 2022 e nel 2023.

Anche la Banca Mondiale ha espresso preoccupazione Sullo stato dell’economia globale di questa settimana, ha avvertito che la pandemia in corso, il blocco del Covid-19 in Cina e l’aumento dell’inflazione potrebbero amplificare la disuguaglianza di reddito e i tassi di povertà. Ha ridotto le sue previsioni di crescita per il 2022 al 3,2% dal 4,1%.

“Sono molto preoccupato per i paesi in via di sviluppo”, ha detto lunedì David Malpass, presidente della Banca mondiale. Devono far fronte a improvvisi aumenti dei prezzi di energia, fertilizzanti e generi alimentari e la prospettiva di tassi di interesse più elevati. Tutti li colpiscono duramente”.

L’inflazione è ora in aumento in molte parti del mondo, non solo negli Stati Uniti, dove ha raggiunto i livelli più alti degli ultimi 40 anni.

Secondo la Banca dei Regolamenti Internazionali, Più di metà delle economie emergenti hanno tassi di inflazione superiori al 7%. La banca ha affermato che il 60% delle “economie avanzate”, inclusi gli Stati Uniti e la zona euro, ha un’inflazione superiore al 5%, la quota più alta dagli anni ’80.

READ  Il regolatore afferma che l'Himalaya Yogi gestiva la più grande borsa valori dell'India come burattinaio

In Gran Bretagna, l’inflazione è balzata al rialzo 7 per cento a marzoil livello più alto degli ultimi 30 anni.

Un sondaggio della Bank of America Securities condotto il 12 aprile tra gli investitori globali ha rilevato che più di due terzi erano pessimisti sulle prospettive di crescita globale nei prossimi mesi.

Karen Dinan, ricercatrice presso il Peterson Institute ed ex economista presso la Federal Reserve, ha affermato che la domanda di fondo negli Stati Uniti è rimasta forte, a causa dei risparmi accumulati dai consumatori durante la pandemia e del loro desiderio represso di spendere.

“La domanda sarà e dovrà essere limitata attraverso la cancellazione dei servizi di cassa”, ha affermato. “E questo è diventato molto evidente negli ultimi mesi”.

Ha aggiunto che oltre alla guerra, all’epidemia e agli alti tassi di interesse, la Cina sta affrontando una flessione nel settore immobiliare e l’economia brasiliana potrebbe essere colpita dai disordini politici associati alle imminenti elezioni.

Nuovi dati mostrano che la crescita economica della Cina e le vendite al dettaglio fare marcia indietroMentre il governo impone chiusure globali per eliminare il virus Corona. Entro l’11 aprile, secondo Gavekal Dragonomics, una società di ricerca economica, 87 delle 100 città più grandi della Cina avevano imposto una qualche forma di restrizioni ai movimenti.

Le restrizioni stanno ancora una volta interrompendo le catene di approvvigionamento globali di elettronica, ricambi auto e altri beni e scoraggiando le importazioni cinesi di petrolio, cibo e beni di consumo. La Cina è il più grande importatore di petrolio al mondo e la minore domanda ha causato l’Agenzia internazionale per l’energia la scorsa settimana tagliare le sue aspettative Per la crescita della domanda di petrolio quest’anno a 1,9 milioni di barili al giorno, da un aumento di 5,6 milioni di barili al giorno lo scorso anno.

READ  Discovery controlla HBO, CNN e Warner Bros. , creando un nuovo gigante dei media

L’invasione russa dell’Ucraina e le sanzioni imposte per punire Mosca minacciano anche di spingere le economie europee in recessione. La scorsa settimana, i meteorologi dei maggiori istituti economici tedeschi previsto Un divieto europeo completo sulle importazioni di energia russe farebbe diminuire la produzione tedesca del 2,2% l’anno prossimo e spingerebbe l’inflazione al 7,3%, un record per la Germania del dopoguerra.

In un discorso della scorsa settimana al Consiglio Atlantico, un think tank di Washington, il segretario al Tesoro Janet L. Yellen ha invitato i paesi che sono stati in disparte a fare pressione sulla Russia per porre fine alla guerra e ha esortato la Cina a non aiutare la Russia a eludere le sanzioni.

Il vice della Yellen, Wali Adeemo, ha affermato lunedì che i responsabili politici devono assicurarsi che la guerra non grava sui paesi in via di sviluppo. Ma ha chiarito che le sanzioni non andranno via fino a quando la Russia non si tirerà indietro.

“Finché l’invasione russa continuerà, le nostre sanzioni continueranno”, ha affermato Adeemo in un commento al Peterson Institute.

Ma la profonda incertezza sulla durata della guerra e sulle sanzioni rende più difficili le previsioni economiche.

La scorsa settimana, mentre l’Organizzazione mondiale del commercio ha abbassato le sue previsioni per la crescita del commercio globale quest’anno, ha riconosciuto che tali stime potrebbero cambiare drasticamente.

aspettare Il volume del commercio globale di merci aumenterà del 3% quest’anno, in calo rispetto a una precedente previsione del 4,7%. A seconda di come si svolgeranno la pandemia e la guerra, la crescita del commercio potrebbe essere dello 0,5% o del 5,5%, ha affermato Ngozi Okonjo-Iweala, direttore generale dell’organizzazione, in una conferenza stampa lo scorso martedì.

Il gruppo prevedeva che la crescita del commercio globale sarebbe rimbalzata al 3,4% l’anno prossimo, sebbene anche queste stime siano soggette a modifiche.

Il dottor Okonjo-Iweala ha affermato che la guerra ha impedito agli economisti dell’organizzazione di raccogliere dati chiave sulla produzione economica, costringendoli a fare affidamento su simulazioni interne di come sanzioni contro la Russia, distruzione delle infrastrutture dell’Ucraina e più ampia erosione della fiducia di imprese e consumatori. Ha detto che influenzerà la crescita globale.

“Le ripercussioni economiche di questo conflitto si estenderanno ben oltre i confini dell’Ucraina”, ha affermato. “Ora è chiaro che il doppio smacco della pandemia e della guerra ha interrotto le catene di approvvigionamento, aumentato le pressioni inflazionistiche e abbassato le aspettative per la crescita della produzione e del commercio”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply