Regolatori statunitensi e cinesi in trattative sulle fonti dell’accordo di audit

Bandiere cinesi e americane volano all’esterno di un edificio aziendale americano a Pechino, Cina, 21 gennaio 2021. REUTERS/Tingshu Wang

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

HONG KONG (Reuters) – Le autorità di regolamentazione statunitensi e cinesi sono in trattative per risolvere una lunga disputa sulla conformità agli audit delle società cinesi quotate negli Stati Uniti, hanno detto a Reuters tre persone che hanno familiarità con la questione.

Se la situazione di stallo non viene risolta, potrebbe portare le società cinesi a decollare alle borse di New York.

Il Public Company Accountability Oversight Board (PCAOB) degli Stati Uniti ha smentito un precedente rapporto di Reuters secondo cui un team dell’agenzia era arrivato a Pechino per colloqui.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Questa settimana, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha aggiunto più di 80 società, incluso il gigante dell’e-commerce JD.com. (9618.HK) E China Petroleum and Chemical Corporation (600028.SS) all’elenco delle società che rischiano la possibile espulsione. Leggi di più

La gente ha detto che i colloqui tra i funzionari del PCAOB e le loro controparti presso la China Securities Regulatory Commission (CSRC) potrebbero essere descritti come una “fase avanzata” dopo che la Cina ha fatto concessioni negli ultimi mesi.

Ma un portavoce della PCAOB ha affermato: “I recenti rapporti secondo cui i funzionari della PCAOB sono attualmente in Cina, o che i funzionari della PCAOB erano in Cina all’inizio di quest’anno per negoziati faccia a faccia, non sono corretti. La PCAOB non ha inviato personale in Cina dal 2017. . . .

READ  Tijuana Flats, con sede nella Florida centrale, annuncia una nuova proprietà, chiudendo alcuni ristoranti

Ha detto che il consiglio continua a comunicare con le autorità cinesi, ma “la speculazione su un accordo finale è ancora prematura”. Di conseguenza, PCAOB pianifica “per diversi scenari”.

Venerdì, il CSRC non ha risposto direttamente allo stato delle discussioni. Reuters ha fatto riferimento a dichiarazioni ufficiali di entrambe le parti, ma non ha specificato quali.

Le fonti hanno chiesto l’anonimato per la delicatezza della questione.

Le autorità cinesi sono state a lungo riluttanti a consentire alle autorità di regolamentazione straniere di ispezionare le società di contabilità nazionali, citando problemi di sicurezza nazionale.

Ma con un’importante concessione, il mese scorso le autorità di regolamentazione cinesi hanno proposto di rivedere le regole di riservatezza per le quotazioni offshore e di eliminare i requisiti per cui le ispezioni in loco delle società cinesi quotate all’estero sono condotte principalmente dalle autorità di regolamentazione nazionali. Leggi di più

Fonti hanno detto a Reuters il mese scorso che un quadro iniziale per la cooperazione nella supervisione dell’auditing era stato formato tra i due paesi. Leggi di più

La lite sulla supervisione della revisione delle società cinesi quotate a New York, che va avanti da più di un decennio, è giunta al culmine a dicembre quando la Securities and Exchange Commission ha posto fine alle regole per il delisting delle società cinesi ai sensi del Foreign Company Accountability Act. Ha detto che c’erano 273 aziende a rischio, ma non le ha nominate.

A partire da venerdì, PCAOB ha identificato 128 società cinesi a rischio di delisting.

Il problema è stato uno dei principali fattori che hanno guidato gli American Depositary Receipts (ADR) emessi da società cinesi, con l’indice Nasdaq Gold Dragon China in calo del 57% negli ultimi 12 mesi.

READ  Twitter blocca le assunzioni e taglia i costi quando i dirigenti se ne vanno

Goldman Sachs ha stimato a marzo che gli investitori istituzionali statunitensi possiedono 200 miliardi di dollari di ADR cinesi.

Oltre alle concessioni da parte delle autorità di regolamentazione cinesi, c’erano altri segnali di un accordo imminente.

Alla fine di marzo, fonti hanno affermato che il CSRC aveva chiesto ad alcune società statunitensi quotate negli Stati Uniti, tra cui Alibaba Group Holdings Ltd. (9988.HK)Baidu Inc (9888.HK) e JD.com, per prepararsi a ulteriori divulgazioni di audit. Alla fine del mese scorso, Fang Xinghai, vicepresidente del CSRC, ha affermato di aspettarsi un accordo nel prossimo futuro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Xie Yu; Rapporti aggiuntivi di Katanga Johnson a Washington, Selina Lee a Hong Kong e Jing Shuo a Pechino. Montaggio di Edwina Gibbs e William Mallard

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply