Sherine Abu Aqla: il corrispondente di Al-Jazeera è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dall’occupazione | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Secondo il Ministero della Salute palestinese, le forze israeliane hanno ucciso a colpi di arma da fuoco il giornalista di Al-Jazeera Shireen Abu Akleh nella Cisgiordania occupata.

Le hanno sparato mercoledì, mentre seguiva i raid israeliani nella città di Jenin, ed è stata portata in ospedale in condizioni critiche, secondo il ministero e i giornalisti di Al Jazeera. Abu Okla indossava una giacca da giornalista quando è stata uccisa.

Il ministero ha detto che è stata dichiarata morta in ospedale.

Anche un altro giornalista di Al-Jazeera, Ali Al-Samudi, è stato ferito dopo essere stato colpito alla schiena. Ora è in condizioni stabili e ha affermato che non c’erano combattenti palestinesi quando i giornalisti sono stati uccisi, mettendo direttamente in dubbio una dichiarazione israeliana che indicava la possibilità che ciò accadesse.

“Stavamo filmando l’operazione dell’esercito israeliano e all’improvviso ci hanno sparato senza chiederci di andarcene o interrompere le riprese”, ha detto Al-Samoudi. “Il primo proiettile ha colpito me e il secondo proiettile ha colpito Shireen… Non c’era assolutamente alcuna resistenza militare palestinese sulla scena”.

Shatha Hunaisha, una giornalista palestinese che era presente accanto ad Abu Okla quando è stata ferita, ha detto ad Al Jazeera che non ci sono stati scontri tra i combattenti palestinesi e l’esercito israeliano e ha affermato che il gruppo di giornalisti era stato preso di mira.

“Eravamo quattro giornalisti, indossavamo tutti giacche, indossavamo tutti elmetti”, ha detto Hanisha. “Il [Israeli] L’esercito di occupazione non ha smesso di sparare anche dopo la sua caduta. Non riuscivo nemmeno a raggiungere il mio braccio per toglierlo a causa dei colpi. I militari erano irremovibili sul fatto di sparare per uccidere”.

READ  I ministri dell'Energia dell'UE tengono colloqui di crisi dopo il taglio del gas russo

Nidaa Ibrahim, di Al-Jazeera, ha affermato che le circostanze dell’omicidio di Abu Oqla si stanno ancora verificando, ma i video dell’incidente mostrano che le hanno sparato alla testa.

Quello che sappiamo ora è che il Ministero della Salute palestinese ha annunciato la sua morte. Shireen Abu Oqla stava coprendo gli eventi attuali a Jenin, in particolare un raid israeliano nella città nella Cisgiordania occupata settentrionale, quando le hanno sparato alla testa. .

Shireen Abu Oqla ha inviato un’e-mail all’ufficio di Al Jazeera a Ramallah alle 6:13, scrivendo: “Le forze di occupazione stanno assaltando Jenin e assediando una casa nel quartiere di Jabriyat. Lungo la strada, ti darò la notizia non appena il quadro diventa chiaro.”

Separatamente nella Cisgiordania occupata, il ministero della Salute palestinese ha affermato che le forze israeliane hanno sparato al giovane palestinese Thaer Muslat al-Yazuri nella città di al-Bireh vicino all’insediamento illegale di Psagot.

Shock e tristezza

Ibrahim, piangendo, ha detto che Abu Okla era un “giornalista molto rispettato”.

Cittadino congiunto palestinese-americano, Abu Okla è stato uno dei primi corrispondenti sul campo di Al Jazeera, a unirsi alla rete nel 1997.

L’IDF ha detto di essere stato attaccato da fuoco pesante ed esplosivi mentre lavorava a Jenin e che hanno risposto al fuoco. Ha aggiunto che stava “indagando sull’incidente”.

Il movimento Fatah, guidato dal presidente palestinese Mahmoud Abbas, ha condannato l’uccisione di Abu Akle.

“Il bersaglio di Shirene è un chiaro bersaglio della verità, e [Israel] “Vogliono coprire i loro crimini contro il popolo palestinese”, ha detto Osama al-Qawasmi, un portavoce di Fatah. Israele vuole inviare un messaggio ai giornalisti di tutto il mondo che chiunque voglia coprire la verità verrà fucilato.

READ  Gli indicatori climatici critici battono i record nel 2021, afferma l'ONU | crisi climatica

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha detto che Tel Aviv sta offrendo una “indagine patologica congiunta” sulla “triste morte” di Abu Akle. “I giornalisti nelle zone di conflitto devono essere protetti”, ha aggiunto.

Le forze israeliane hanno bombardato gli uffici di Al Jazeera nella Striscia di Gaza, che comprende anche l’Associated Press, durante un attacco di un anno fa, e giornalisti palestinesi e internazionali affermano di essere stati regolarmente presi di mira dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata ea Gerusalemme est.

Molti in Palestina e all’estero si sono rivolti ai social media per esprimere il loro shock e dolore.

Questa mattina, le forze di occupazione israeliane hanno assassinato l’amato giornalista, Shireen Abu Aqleh, mentre copriva le sue pratiche brutali a Jenin. “Shireen era il giornalista palestinese più importante e amico intimo”, ha scritto Husam Zomlot, l’ambasciatore palestinese nel Regno Unito.

Chi l’ha conosciuta l’ha descritta come coraggiosa, gentile e la voce dei palestinesi.

“Shireen era un giornalista coraggioso, gentile e di grande integrità che io e milioni di palestinesi siamo cresciuti guardando”, ha scritto Fadi Quran, un attivista del gruppo elettorale di Avaaz.

“Siamo terrorizzati nel sentire che Israele ha assassinato la giornalista di Al-Jazeera Shireen Abu Aqleh a Jenin! Shireen ha scritto con coraggio dell’aggressione israeliana contro la Palestina per più di due decenni”, ha scritto Howaida Araf, attivista e avvocato palestinese-americana.

READ  La guerra Ucraina-Russia: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

“Incredulità”, ha scritto l’attivista palestinese Salem Brahma. Siamo cresciuti scrivendo rapporti sulla seconda intifada. Era la nostra voce. Riposa in forza e pace. Un altro giorno, un’altra tragedia”.

Giles Trendel, direttore di Al Jazeera, ha affermato che la rete è stata “scioccata e rattristata” dalla morte di Sherine Abu Okla.

“Abbiamo una storia in tutto il mondo, ma soprattutto in questa regione, dove abbiamo assistito a tragedie”, ha detto, chiedendo un’indagine trasparente sull’uccisione di Abu Akleh.

“Come giornalisti, andiamo avanti. Il nostro compito è andare avanti. Non saremo messi a tacere nonostante i tentativi di zittirci”, ha detto Trendel. Questo è più importante che mai”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply