Ubisoft è al centro della battaglia per fermare la chiusura dei giochi online

In un’era sempre più digitale, possedere direttamente i media sta diventando sempre meno probabile. Che si tratti di film, musica, libri o videogiochi, il passaggio al digitale ha reso più difficile per i consumatori possedere copie fisiche permanenti dei loro media preferiti. Nei videogiochi, innumerevoli giochi su cui i giocatori hanno speso tempo e denaro sono stati ritirati dagli editori per non essere mai più giocati. La legislazione in materia è discontinua in tutto il mondo e alcune aziende sono riuscite a farla franca raccogliendo il denaro dei consumatori solo per il gusto di farlo Stacca la spina da un gioco Mesi o anni dopo. Tuttavia, il canale YouTube Accursed Farms ha avviato una campagna concertata per applicare una legislazione più severa contro questa pratica, con il gioco di corse di Ubisoft. l 'equipaggio Nel mezzo.

La crescente mancanza di proprietà di videogiochi

Ross Scott, che gestisce le Fattorie Maledette, ha pubblicato un Video di 31 minuti Sul canale che spiega il problema e come pensa che attiri l'attenzione l 'equipaggio1 aprile vicino Ciò potrebbe spingere i governi ad attuare maggiori tutele dei consumatori per le persone che acquistano giochi online. Come mostrato nel video, i diritti dei consumatori in queste situazioni variano da paese a paese. Tuttavia, la Francia ha delle leggi sui consumatori molto severe e Ubisoft ha sede lì.

“Non si tratta proprio di questo l 'equipaggio “O anche Ubisoft”, dice Scott nel video. “Si tratta di cercare di trovare un anello debole nel settore in modo che i governi possano controllare questa pratica per evitare che gli editori rovinino i nostri giochi.”

Fattorie maledette

READ  Octopath Traveler II annunciato per PS5, PS4, Switch e PC

secondo Post del blog cancellato da allora di ubisoft, l 'equipaggio Aveva oltre 12 milioni di giocatori prima di essere cancellato dalla lista nel dicembre dello scorso anno. Anche se la maggior parte di queste persone non giocava attivamente al gioco entro la fine della sua vita, ciò significa comunque che furono vendute milioni di copie del gioco, nessuna delle quali è giocabile oggi. Questa è diventata una pratica molto comune in molti giochi online di alcune delle più grandi aziende del settore, come quando Square Enix ha chiuso Final Fantasy VII: Il primo soldato Nel gennaio 2023 Electronic Arts annulla il rilascio della versione mobile di Leggende dell'Apex Il prossimo maggio. Tuttavia, Scott presuppone che i giocatori non formino un'azione collettiva sostanziale per salvare questi giochi, perché nel momento in cui la società prenderà la decisione di chiudere il gioco, la maggior parte della base di giocatori sarà già andata avanti. Ecco perché ha fondato l'iniziativa Stop Killing Games, che tenta di mobilitare i fan dei videogiochi preoccupati per spingere i governi locali a esaminare la situazione con l 'equipaggio. La speranza è che ciò possa portare a un cambiamento più ampio.

Come la Stop Killing Games Initiative coordina il lavoro

IL Smettila di uccidere il sito web dei giochi Include istruzioni dettagliate per diversi paesi e regioni su come sostenere la causa, contattando rappresentanti locali ed enti governativi o semplicemente spargendo la voce. Tuttavia, le sezioni francese e australiana includono misure designate come ad alta priorità, con l’importo che le persone possono contribuire che varia a seconda delle leggi locali sui consumatori e se hai già effettuato un acquisto o meno. l 'equipaggio. Se non sei sicuro di cosa fare nel tuo Paese, il sito può guidarti verso i canali appropriati. Alcune opzioni globali, come contattare la direzione generale francese per la politica di concorrenza, gli affari dei consumatori e la lotta antifrode (DGCCF), richiedono prima di contattare Ubisoft e attendere due settimane, cosa che Scott teme possa uccidere parte dello slancio.

READ  Il secondo aggiornamento gratuito per Metroid Dread è ora disponibile, ecco le note complete sulla patch

“Chiedere alle persone di aspettare fino a due settimane prima di fare un secondo passo potrebbe rovinarci”, afferma Scott. Forse qui sto chiedendo l'impossibile, non lo so. Questo potrebbe essere esattamente il motivo per cui l’industria dei giochi è riuscita a farla franca con queste sciocchezze per così tanto tempo. Perché nessuno ha la capacità di attenzione necessaria per questo secondo passaggio. Alcuni di voi, però, possono farlo. Lo so.”

Fattorie maledette

L’obiettivo finale di Stop the Killing Games è che i governi attuino la legislazione per garantire:

  • I giocattoli venduti devono essere lasciati in condizioni funzionali
  • I giochi venduti non devono richiedere alcun contatto aggiuntivo con l'editore o con le parti affiliate per funzionare
  • Quanto sopra vale anche per i giochi che vendevano microtransazioni ai clienti
  • Quanto sopra non può essere sostituito da accordi di licenza con l'utente finale

Come spiega Scott, il risultato ideale è che la legislazione richiederebbe che i giochi online vengano eseguiti su server ospitati dai giocatori dopo che gli sviluppatori smettono di supportarli, piuttosto che gli editori si facciano carico dell'onere di ospitare i server internamente. Questo è spesso uno dei motivi principali per cui giochi e servizi vengono chiusi. Le aziende non vogliono continuare a ospitare server online per giochi che non supportano attivamente o da cui non traggono profitto, quindi chiudono completamente i giochi. Anche se non è chiaro quanto questi obiettivi siano realizzabili, Scott afferma che provarci aiuterà almeno ad alleviare la nuvola di incertezza che incombe sulla proprietà dei videogiochi.

“Se vinciamo, puoi immaginare quanto ti sentirai bene in futuro sapendo che tutti i tuoi giocattoli sono al sicuro e che devi solo pensare se il gioco ti piace o no”, dice Scott. “Questa è la mia visione per i giochi del futuro. È un po' diverso rispetto al settore. E se perdiamo, almeno ci verrà detto direttamente in faccia che in una democrazia non potrai mai possedere i videogiochi per cui paghi, non importa quante persone vogliono che ciò accada.” Questo. Penso che questa sarà una lezione di educazione civica.

READ  Nuove icone delle app stanno uscendo per Google Messaggi, Telefono e Contatti

Il direttore degli abbonamenti di Ubisoft, Philippe Tremblay, ha recentemente affermato che la società desidera che il numero di giocatori sia più elevato Si sentono a proprio agio nel non possedere i giocattoli che acquistano Allo stesso modo in cui le persone non avevano album su Spotify o film su Netflix:

Una delle cose che abbiamo visto è che i giocatori sono abituati, come i DVD, ad avere i propri giochi e a possederli. Questo è il cambiamento dei consumatori che deve avvenire. Erano sollevati di non avere una propria collezione di CD o DVD. Questo è un cambiamento che è stato un po’ più lento a verificarsi [in games]. Dato che i giocatori si sentono a proprio agio in questo aspetto… non si perdono i progressi. Se riprendi il gioco in un altro momento, il tuo file di progresso esisterà ancora. Non è stato eliminato. Non perderai ciò che hai costruito nel gioco o la tua interazione con il gioco. Quindi si tratta di sentirsi a proprio agio senza avere il proprio gioco.

Abbiamo contattato Scott e Ubisoft riguardo a questa storia. Un rappresentante di Ubisoft ha affermato che la società non ha rilasciato commenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply