Un alleato chiave di Netanyahu non può essere un ministro del governo, ha stabilito la Corte Suprema di Israele, scatenando una potenziale crisi di governo


Gerusalemme
Cnn

La Corte Suprema israeliana ha deciso mercoledì 10 a 1 di non consentire ad Aryeh Deri, leader del partito Shas e alleato chiave del primo ministro Benjamin Netanyahu, di servire come ministro di gabinetto a causa della sua condanna del febbraio 2022 per frode fiscale.

La corte ha stabilito che Netanyahu dovrebbe rimuovere Deri dall’incarico. Una tale mossa farebbe precipitare il paese in una crisi politica.

Il partito Shas di Al-Dari – che a novembre ha vinto 11 seggi nella Knesset israeliana da 120 seggi ed è una componente chiave della coalizione di Netanyahu – ha risposto immediatamente, definendo la decisione della corte “arbitraria e senza precedenti”.

Il partito religioso sefardita ha affermato che il tribunale “oggi ha annullato i voti e le votazioni di 400mila elettori del movimento Shas”.

“Oggi il tribunale ha infatti stabilito che le elezioni non hanno senso. La decisione del tribunale è politica e maliziosa”, ha affermato il partito.

Alla Corte Suprema è stato chiesto di decidere se sia legalmente ragionevole nominare Deri a posizioni nel governo di Netanyahu nonostante la sua condanna per frode fiscale.

I giudici hanno deciso che la sua nomina “non poteva continuare”.

“Questo è, tra l’altro, dovuto al suo arretrato di condanne penali” e al suo fallimento nel ritirarsi dalla vita pubblica come aveva detto che avrebbe fatto quando fu processato nel caso di frode fiscale.

La questione legale primaria è se la condanna di Deri per frode fiscale costituisca un reato di turpitudine morale. Fino alle elezioni di novembre, ciò lo avrebbe squalificato dal servizio nel governo.

READ  Lacrime al confine per l'espulsione degli immigrati venezuelani

Deri nella foto alla Knesset il 29 dicembre.

Ma Netanyahu ei suoi alleati hanno apportato una modifica alla legge sulla scia della loro vittoria elettorale, aprendo la strada a Deri per diventare ministro.

Deri era un membro della Knesset al momento della sua condanna per frode fiscale lo scorso anno.

Si è dimesso da deputato piuttosto che dare al commissario capo per le elezioni l’opportunità di stabilire se la condanna lo avesse escluso dal servizio come ministro.

Ciò significa che la questione legale se la condanna per frode di Deri costituisca un delitto contro l’onore rimane irrisolta.

Gli alleati di Deri hanno indicato questa settimana che il leader del partito Shas non si dimetterà dal suo incarico ministeriale anche se la sentenza del tribunale fosse contro di lui.

In una dichiarazione che ha rilasciato ai suoi compagni di partito riuniti a casa sua, Deri ha detto mercoledì che avrebbe “continuato la rivoluzione con maggiore forza e con maggiore forza”, senza elaborare.

Il suo rifiuto di dimettersi – o il rifiuto di Netanyahu di licenziarlo – potrebbe portare a una crisi costituzionale che contrapponga il governo alla Corte Suprema.

Netanyahu e i suoi partner di coalizione detengono 64 seggi nella Knesset da 120 seggi, con una maggioranza di quattro. E il partito Shas di Deri detiene 11 seggi su 64, quindi il licenziamento di Deri farebbe precipitare il governo in una crisi.

Mercoledì sera, ora locale, Netanyahu è stato visto visitare la casa di Deri, trascorrendovi circa 45 minuti prima di ripartire. Netanyahu non ha rilasciato commenti ai giornalisti che erano fuori.

Il ministro della Giustizia Yariv Levin – un membro del partito Likud di Netanyahu – ha promesso di intervenire a favore di Deri.

READ  Zelenskyj prende in giro le forze russe che lottano per il "credito" su Solidar | notizie di conflitto

“Farò tutto il necessario affinché la palese ingiustizia del rabbino Aryeh Deri, del movimento Shas e della democrazia israeliana venga corretta”, ha detto Levin.

Levin ha già annunciato piani per trasformare il sistema giudiziario israeliano dando alla Knesset il potere di ribaltare le decisioni della Corte Suprema e rivedere le nomine per la corte.

Il giudice capo della Corte Suprema Esther Hayut – che era tra i 10 giudici che mercoledì hanno stabilito che Netanyahu dovrebbe licenziare Deri – ha definito le modifiche proposte la scorsa settimana “un selvaggio attacco al sistema legale”.

Israele ha sperimentato instabilità politica negli ultimi anni, con Netanyahu che ha ottenuto una vittoria di misura nelle quinte elezioni israeliane in meno di quattro anni a novembre.

Netanyahu, che ha prestato giuramento come primo ministro per la sesta volta nella sua carriera alla fine di dicembre, è rimasto una figura dominante durante un lungo periodo di caos politico.

È probabile che il suo ultimo governo sia quello più di destra nella storia di Israele.

Itamar Ben Gvir, un estremista condannato per sostegno al terrorismo e incitamento al razzismo contro gli arabi, è diventato ministro della sicurezza nazionale. Bezalel Smotrich, che ha sostenuto l’abolizione dell’Autorità palestinese e l’annessione della Cisgiordania, è diventato ministro delle finanze.

L’ultimo mandato di Netanyahu ha avuto un inizio difficile, con decine di migliaia di manifestanti a Tel Aviv e Gerusalemme il 14 gennaio contro i cambiamenti che il suo governo ha proposto al sistema giudiziario israeliano.

I presenti hanno tenuto striscioni paragonando Netanyahu al presidente russo Vladimir Putin e affermando che Israele si sta rivolgendo a personaggi come l’Ungheria quasi democratica e l’Iran teocratico.

READ  Lo zoo ha risposto dopo che un video virale che mostrava il dito di un uomo che morde un leone è diventato virale: "Non sarebbe mai dovuto accadere"

I manifestanti hanno detto alla CNN che sono venuti per paura per il futuro di Israele e per inviare un messaggio a Netanyahu che il pubblico non sosterrà quello che vedono come uno smantellamento della democrazia israeliana.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply