I legami della Russia con le società europee possono rendere dure le sanzioni

FRANCOFORTE, Germania (Associated Press) – L’Europa sta valutando sanzioni contro la Russia se invade l’Ucraina Il lavoro è tutt’altro che semplice.

Le sanzioni cercheranno di massimizzare le sofferenze inflitte al Cremlino e alle sue principali banche e compagnie energetiche, ma anche a evitare di mettere in pericolo le forniture energetiche dipendenti dalla Russia nel continente. O gravi danni alle aziende europee con forti legami con la Russia, tra cui il produttore tedesco Siemens AG, il produttore italiano di pneumatici Pirelli e case automobilistiche come Volkswagen e Mercedes-Benz.

La Russia ha rapporti con l’energia mondiale E i mercati finanziari ospitano importanti partnership e investimenti esteri, quindi qualsiasi misura avrà ripercussioni fuori dal Paese. La domanda è quanto.

Il comitato esecutivo dell’Unione europea non rivela di quali sanzioni sta discutendo per uscire dalle congetture del Cremlino. I funzionari affermano che le misure saranno più complete e rigorose di quelle imposte nel 2014 dopo che la Russia ha annesso la penisola ucraina della Crimea.

Ecco i luoghi in cui le sanzioni potrebbero incidere sull’economia europea:

in attesa di parola

Dal momento che non si sa quali saranno le misure, le aziende europee stanno osservando gli sviluppi con cautela e limitando i loro commenti alla speranza di una soluzione diplomatica.

“La politica stabilisce le regole in base alle quali operiamo come azienda” e che “se i termini del quadro cambiano, li valuteremo e decideremo come affrontarli”, ha affermato BMW.

Siemens AG, che ottiene circa l’1% delle sue entrate dalla Russia, sta sviluppando una nuova generazione di treni ad alta velocità con partner russi da costruire in uno stabilimento lì. Siemens Energy, in parte di proprietà di Siemens AG, sta costruendo centrali elettriche e apparecchiature per 57 parchi eolici in Russia.

Le case automobilistiche europee hanno un’ampia presenza. Volkswagen, Stellants, Renault e Mercedes-Benz hanno stabilimenti in Russia, mentre la BMW produce automobili lì tramite il partner russo Avtotor. La francese Renault possiede la più grande casa automobilistica russa, AvtoVAZ, con il suo vasto stabilimento a Togliatti. Stellantis prevede di importare camion commerciali con i suoi marchi Peugeot, Opel e Citroen dallo stabilimento di Kaluga per soddisfare la crescente domanda in Europa di servizi di consegna.

READ  L'India sequestra 725 milioni di dollari in beni Xiaomi per trasferimenti illegali

Il produttore di pneumatici italiano Pirelli, di proprietà dei cinesi, gestisce due stabilimenti che impiegano circa 2.500 persone in Russia, producendo pneumatici principalmente per il mercato interno ma anche per l’esportazione.

“Continuiamo a investire, crediamo nello sviluppo del mercato russo e nell’internazionalizzazione”, ha detto ai giornalisti il ​​mese scorso l’amministratore delegato Marco Tronchetti Provera. Crediamo che anche nelle crisi si debba trovare un punto di incontro e crediamo che alla fine si troverà l’equilibrio”.

Lui e altri amministratori delegati si sono incontrati con il presidente russo Vladimir Putin il mese scorso per discutere le prospettive commerciali.

L’agrobusiness italiano ha perso molto quando la Russia ha imposto un divieto di ritorsione all’importazione di prodotti agricoli, formaggi e carne nel 2014. Nonostante le nuove tensioni, l’Associazione degli Artigiani di Confartigianato della provincia di Vicenza nord-orientale sta portando avanti una fiera virtuale dei prodotti a Mosca il mese prossimo . Tra coloro che vogliono partecipare ci sono panettonieri del pane natalizio, Colombo e pane pasquale e vignaioli, prodotti non soggetti a embargo.

Allo stesso modo, la banca italiana Intesa SanPaolo, che sostiene le aziende italiane in Russia, afferma che la sua missione non è cambiata.

“Francamente, non seguiamo la geopolitica”, ha affermato l’amministratore delegato Carlo Messina. “Rispettiamo le regole, ma serviamo i clienti italiani e lo facciamo in tutti i Paesi, Russia compresa. Se le regole cambiano e creano un ostacolo, faremo i passi necessari”.

Quali sanzioni verranno imposte?

Gran parte della discussione si è concentrata sulle grandi banche russeche potrebbe dover affrontare misure dalle restrizioni sui prestiti alle restrizioni sulle transazioni che coinvolgono dollari.

Un altro obiettivo potrebbe essere le società energetiche come Rosneft e Gazprom, di proprietà statale, che potrebbero dover affrontare il divieto di prendere in prestito da investitori e creditori occidentali. Ciò limiterebbe la loro capacità di investire in nuovi progetti, ma non interromperebbe immediatamente le forniture di energia all’Europache ottiene circa il 40% del suo gas naturale dalla Russia Si trova ad affrontare il calo delle riserve e l’aumento dei prezzi Questo inverno.

READ  I manifestanti di Greenpeace Ucraina legano un kayak a una petroliera russa

Evita di cadere

Un aspetto fondamentale è evitare perdite sproporzionate per l’economia o le imprese europee. In caso contrario, potrebbe essere difficile raccogliere consensi tra i 27 Stati membri dell’UE, che dovrebbero accettare all’unanimità le sanzioni.

Ad esempio, il produttore russo di gas naturale Novatek potrebbe essere un potenziale obiettivo per le sanzioni, ma il 19,4% della società è di proprietà della francese TotalEnergies, il che significa che sanzioni severe richiedono un po’ di “ingegnosità diplomatica” data la sua associazione con un alleato della NATO, ha affermato un ex diplomatico statunitense . Dan Freed, che ha redatto le sanzioni del 2014 contro la Russia.

Le sanzioni potrebbero anche aprire le porte ai concorrenti cinesi E altri paesi che non puniranno la Russia. Dopo che le sanzioni del 2014 hanno vietato l’esportazione di attrezzature con un potenziale uso militare in Russia, alcune società tedesche di macchine più piccole hanno rinunciato piuttosto che affrontare la burocrazia e il rischio di violare inavvertitamente regole complesse.

Di conseguenza, nel 2016 i produttori di macchine cinesi hanno superato le aziende tedesche come fornitori della Russia. Complessivamente, il numero di aziende tedesche che operano in Russia è diminuito da 6.000 nel 2010 a 3.500 nel 2021.

Tuttavia, Conflict Armament Research, che indaga sulle catene di approvvigionamento di armi da guerra, ha scoperto che entità russe stanno ancora acquisendo componenti britannici, cechi, francesi, tedeschi, spagnoli e americani di droni spia di livello militare.

In un rapporto di novembre, CAR ha affermato che le parti sono state scoperte in droni che sono caduti o si sono schiantati in Ucraina e Lituania. L’autore principale Damien Splitters ha affermato che le aziende che producono dispositivi elettronici che possono essere utilizzati sia per scopi civili che militari non sono generalmente obbligate a verificare in anticipo l’uso finale delle loro vendite.

READ  Macron attacca Le Pen alla Russia, giura di vietare il velo

Walid di Russia

Il Cremlino ha adottato misure per ridurre la sua dipendenza economica da altri paesi e da fonti esterne di finanziamento. Ha un debito pubblico basso e 630 miliardi di dollari in valuta estera e riserve auree. Le aziende russe hanno pagato per reperire parti a livello locale, anche lavorando con partner europei.

Ma Harley Balzer, esperta di relazioni Russia-Cina e professore emerito alla Georgetown University, ha scritto in una recente analisi che, nonostante questi sforzi, la localizzazione è altamente vulnerabile a ulteriori sanzioni.

Dice che impedire alla Russia di acquisire componenti elettronici americani potrebbe essere un importante punto di pressione, perché le industrie della difesa russe importano circa il 20-30% della sua elettronica e la Cina non produce i chip e i processori avanzati di cui la Russia ha bisogno.

effetto modesto?

Sebbene la Russia sia un importante fornitore di energia, invia poche altre merci in Europa.

“Nonostante le sue dimensioni e il suo potenziale, l’economia russa mal gestita non è un mercato chiave per l’Europa”, ha affermato Holger Schmieding, capo economista della Berenberg Bank.

La Germania, la più grande economia europea, invia solo l’1,9% delle sue merci esportate in Russia, rispetto al 5,6% al suo vicino e membro dell’UE.

Schmieding ha affermato che l’Europa si sta avvicinando all’inverno e probabilmente può gestire qualsiasi calo temporaneo del gas naturale dalla Russia. Una riduzione a lungo termine non è nell’interesse della Russia.

“Alcune perdite nel commercio non energetico con la Russia a seguito di sanzioni e contro-sanzioni avranno probabilmente un impatto quasi limitato sulle prospettive di crescita in Europa oltre il prossimo mese o due”, ha affermato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply