Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parla di tassi di interesse e inflazione

Lui gioca

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato martedì al Congresso che il mercato del lavoro ha “rallentato in modo molto significativo sotto molti aspetti”, uno sviluppo che secondo gli economisti potrebbe rendere la banca centrale più propensa a tagliare presto i tassi di interesse.

Tuttavia, Powell ha aggiunto: “Non invierò alcun segnale oggi riguardo ai tempi delle azioni future”.

Intervenendo davanti alla Commissione bancaria del Senato, Powell ha sottolineato più volte che la banca centrale si trova ad affrontare un rischio più bilanciato tra il taglio troppo precoce dei tassi di interesse e il riaccendere l’inflazione, e l’attesa troppo lunga con l’indebolimento dell’economia e del mercato del lavoro. La missione della Fed è raggiungere la stabilità dei prezzi e la massima occupazione.

“Vediamo che i due Stati sono più equilibrati rispetto a un anno fa. Dobbiamo concentrarci su entrambi”, ha affermato.

In una nota ai clienti, Ryan Sweet, capo economista americano presso Oxford Economics, ha affermato che la certificazione fornisce “un’ulteriore prova del fatto che la banca centrale è vicina ad abbassare i tassi di interesse”. Ha aggiunto che la società di ricerca è “sempre più fiduciosa” che la Fed inizierà a tagliare i tassi di interesse nella riunione di metà settembre.

Nella sua testimonianza preparata, Powell ha assunto un tono cauto, ribadendo che i funzionari non si aspettano di tagliare i tassi di interesse finché non “acquisiranno maggiore fiducia che l’inflazione si sta muovendo in modo sostenibile verso” l’obiettivo del 2% della banca centrale.

READ  Le azioni americane sono salite dopo la sorpresa dell'indice dei prezzi al consumo

Sebbene il tasso di disoccupazione sia salito al 4,1% a giugno – il livello più alto da novembre 2021 – dal 4% di maggio e dal 3,7% all’inizio dell’anno, Powell ha affermato che il tasso “rimane a un livello basso”.

“Le condizioni del mercato del lavoro sono rallentate ma rimangono forti”, ha detto Powell.

Molti democratici hanno esortato Powell a muoversi rapidamente per abbassare i tassi di interesse per garantire che il mercato del lavoro e l’economia non vacillino. Alcuni repubblicani hanno affermato che la Fed dovrebbe assicurarsi che l’inflazione venga eliminata prima di agire e dovrebbe considerare le conseguenze politiche del taglio dei tassi di interesse poco prima delle elezioni presidenziali.

“Sono preoccupato che se la Fed aspetta troppo a lungo per tagliare i tassi di interesse, potrebbe annullare i progressi che abbiamo fatto nella creazione di buoni posti di lavoro”, ha detto a Powell il senatore Sherrod Brown, D-Ohio.

Com’è il mercato del lavoro attuale?

Un rapporto pubblicato venerdì ha rilevato che l’economia ha creato ben 206.000 nuovi posti di lavoro nel mese di giugno, ma il settore privato ha aggiunto solo 136.000 posti di lavoro, e il totale dei due mesi precedenti è stato drasticamente rivisto. Ian Shepherdson, capo economista di Pantheon Macroeconomics, ha osservato che la media di 146.000 posti di lavoro creati dalle aziende negli ultimi tre mesi rappresenta la performance più debole dall’inizio del 2021.

La crescita annuale dei salari, che alimenta l’inflazione, è scesa dal 4,1% al 3,9%, il tasso più lento in tre anni.

“Il rischio principale ora è che la crescente disoccupazione diventi autosufficiente, poiché i consumatori diventano più cauti e le aziende non temono più di non essere in grado di riassumere se licenziano i lavoratori sottoutilizzati”, ha scritto Shepardson in una nota ai clienti.

READ  Gli Stati Uniti rivelano un risultato scientifico nelle fonti di energia da fusione

Tuttavia, nella sua testimonianza, Powell ha sottolineato una forte media di 222.000 posti di lavoro aggiunti al mese durante la prima metà dell’anno.

La Federal Reserve aumenta i tassi di interesse per aumentare i costi di finanziamento su mutui, carte di credito e altri tipi di prestiti, scoraggiando l’attività economica e l’inflazione. Abbassa i tassi di interesse per ridurre questi costi e stimolare l’economia o aiutarla a emergere dalla recessione.

I commenti di Powell erano in gran parte coerenti con quelli espressi dopo la riunione della Fed del mese scorso e al forum dei banchieri centrali in Portogallo la scorsa settimana.

“La banca centrale americana ha dichiarato che non si aspetta che sia appropriato abbassare l’intervallo obiettivo per il tasso dei fondi federali finché non avremo maggiore fiducia che l’inflazione si sta muovendo in modo sostenibile verso il 2%”, ha detto Powell nella sua testimonianza scritta. Ha aggiunto: “I dati ricevuti per il primo trimestre di quest’anno non supportano una fiducia così maggiore”.

Powell ha riconosciuto che i recenti dati sull’inflazione “hanno mostrato alcuni progressi modesti, e dati più positivi rafforzerebbero la nostra fiducia che l’inflazione si sta muovendo in modo sostenibile verso il 2%”.

Ha anche affermato: “Se vedessimo il mercato del lavoro indebolirsi inaspettatamente, potremmo rispondere anche a questo” abbassando i tassi di interesse.

Molti economisti ed esperti del mercato dei futures si aspettano che la Fed inizi a tagliare i tassi di interesse chiave a settembre.

L’inflazione sta diminuendo negli Stati Uniti?

Rapporti recenti confermano che l’inflazione è diminuita significativamente a maggio, con il tasso di inflazione principale attentamente monitorato dalla Federal Reserve che ha raggiunto il 2,6%. Questo valore è superiore all’obiettivo della Fed del 2%, ma il più basso da marzo 2021 e inferiore al picco del 5,6% a metà del 2022.

READ  Un rapporto indipendente afferma che la FDIC ha un lavoro e una cultura di leadership tossici

Ma Powell ha mantenuto un atteggiamento cauto sul taglio dei tassi di interesse poiché l’inflazione è aumentata inaspettatamente nel primo trimestre dopo un significativo rallentamento lo scorso anno.

Da marzo 2022 a luglio 2023, la Fed ha aumentato il tasso di interesse di riferimento da quasi zero a un intervallo compreso tra il 5,25% e il 5% – il livello più alto in 23 anni – nel tentativo di domare la crescente inflazione causata dalla pandemia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply