Mondrian è invertito o è un puzzle astratto?

Circa un anno fa, un artista italiano ha scritto a un museo a Düsseldorf, in Germania, per condividere una sensazione a disagio che aveva riguardo a un’opera astratta che era stata nell’istituto per decenni.

L’artista, Francesco Vesali, stava ricercando il lavoro di Piet Mondrian, il pittore olandese noto per le sue opere a griglia con schiocchi geometrici di colori primari. L’opera d’arte in questione era un pezzo incompiuto chiamato “New York City 1”: una tela ricoperta di strisce di nastro rosso, blu, giallo e nero.

“Ogni volta che guardavo questo lavoro, ho sempre avuto la netta sensazione che dovesse essere ruotato di 180 gradi”, ha scritto Visalli a uno dei leader del museo. “Mi rendo conto che per decenni è stato osservato e propagato nella stessa direzione, eppure quel sentimento è ancora avvincente”.

Visalli ha fornito anche prove a sostegno della sua intuizione: una fotografia, tratta dal numero del 1944 della rivista americana Town & Country, che mostrava l’opera appoggiata su un cavalletto nello studio di Mondrian poco dopo la sua morte. Rispetto a come è appeso al Museo tedesco, la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, l’opera d’arte è capovolta.

L’e-mail ha convinto il personale del museo a dare un’occhiata più da vicino. La “First New York City” potrebbe essere stata capovolta per oltre 75 anni?

“Sono sicuro al 100% che la foto sia nel modo sbagliato”, ha detto la curatrice Susan Mayer Boozer, Secondo il quotidiano Guardian,Il museo si prepara ad aprire una mostra in occasione del 150° anniversario della nascita di Mondrian.

L’annuncio ha suscitato un’improbabile marea di titoli sull’arte astratta del 20° secolo. Ma alcuni esperti di Mondrian dubitano che le prove siano conclusive, soprattutto considerando che il pezzo era incompleto e senza firma. Caro Verbeek, uno storico dell’arte in un’università olandese che ha contribuito al catalogo della mostra, ha detto che Mondrian è noto anche per capovolgere i suoi pezzi mentre ci lavorava.

READ  Riepilogo della semifinale della stagione 8 di The Masked Singer: Blizzard Unveiled

“Il processo è ancora in lavorazione”, ha affermato Harry Cooper, il curatore della National Gallery of Art di Washington che ha contribuito a organizzare due gallerie a Mondrian. “Anche se a un certo punto potrebbe essere stato messo su un supporto, ciò non significa che non sarebbe stato lavorato ulteriormente. Si sarebbe potuta prendere una decisione diversa sul suo orientamento”.

Susanne Gensheimer, direttrice del Museo tedesco, che ha acquisito Mondrian nel 1980, ha affermato lunedì che il suo orientamento era un’informazione occasionale in una conferenza stampa sulla mostra, prima che si trasformasse in una curiosità internazionale.

Mayer-Bosser non ha risposto alle richieste di commento. Gaensheimer ha spiegato che il museo non stava dicendo che l’opera era categoricamente capovolta, ma piuttosto che la sua ricerca aveva stabilito che Mondrian aveva creato l’opera da una prospettiva opposta.

“Non possiamo dire cosa è vero o falso”, ha detto Gensheimer.

A pagina 198 del catalogo che accompagna la mostra, Meyer Bowser ha citato un’altra opera, “New York City”, l’unica opera di una serie di opere simili disegnata piuttosto che creata con del nastro adesivo. (Dopo essersi trasferito a New York dall’Europa devastata dalla guerra, Mondrian iniziò a sperimentare con il nastro adesivo colorato, che gli permise di riorganizzare rapidamente i suoi progetti mentre pianificava gli affari.)

il disegno, Esposto al Centro Pompidou A Parigi, con un gruppo ravvicinato di più righe in alto – come nella foto del 1944 – e non in basso.

Un’altra prova descritta da Meyer-Büser è la direzione in cui il nastro sembra essere stato avvolto. Poiché il lavoro è attualmente in sospeso, ci sono degli spazi tra alcune estremità del nastro e la parte superiore della tela, indicando che Mondrian partiva dall’estremità opposta.

READ  Post Malone cancella lo spettacolo di Boston solo una settimana dopo la brutta caduta teatrale

Ha scritto: “Supponendo che Mondrian abbia iniziato a legare i nastri in alto e, seguendo il principio di gravità, svitandoli per fissarli al fondo della tela, il dipinto era già appeso a testa in giù da quando è stato mostrato per la prima volta in 1945.”

Altri esperti hanno sottolineato che Mondrian tendeva a lavorare con i suoi dipinti piatti, camminando e avvicinandosi ad essi da diverse angolazioni, cosa che Mayer Boozer ha riconosciuto nel suo articolo. Se lavorasse da diversi punti di vista, ha detto, “non ci sarebbe un orientamento giusto o sbagliato”.

Nel suo articolo, Mayer Boozer ha citato anche una foto inviata da Visalli, scattata poco dopo la morte di Mondrian nel 1944, quando l’amico ed erede dell’artista, Harry Holtzmann, aprì lo studio per un servizio fotografico in costume. Nella foto, una modella è in piedi con il gomito su una mensola, parte della tela è visibile dalla spalla sinistra.

Cooper, della National Gallery of Art, osserva che una fotografia diversa dello studio di Mondrian, più o meno nello stesso periodo, mostra un’altra opera di Mondrian – “Victory Boogie Woogie” – in quella che sembra essere la stessa posizione sullo stesso cavalletto. Cooper ha detto che la foto suggeriva che qualcuno diverso da Mondrian avrebbe potuto mettere “New York City 1” dopo la sua morte.

Nonostante le convinzioni del curatore, il Museo Tedesco non ha intenzione di ribaltare l’opera, in quanto è diventata sempre più fragile.

Visalli ha dichiarato in una e-mail di essere d’accordo con la decisione, scrivendo che senza la firma o l’incisione di Mondrian non c’era modo di saperlo con certezza.

READ  Janet Jackson è elegante in nero in posa con Christian Louboutin al Rose Ball di Monaco

Ha scritto: “Soprattutto, chi può dire cosa vuole veramente Mondrian?”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply