Pechino sta testando 20 milioni di coronavirus nel tentativo di evitare la miseria del blocco di Shanghai

  • Pechino estende i test di massa a quasi un’intera città
  • I residenti si riversano nei supermercati per fare scorta di cibo e provviste
  • La frustrazione scoppia a Shanghai dopo un mese di blocco

PECHINO/SHANGHAI (26 aprile) (Reuters) – Tre quarti dei 22 milioni di residenti di Pechino si sono messi in fila per i test del COVID-19 martedì mentre le autorità della capitale cinese si sono date da fare per arginare un’epidemia emergente ed evitare la debilitante chiusura in tutta la città che l’ha innescata. . Shanghai è stata avvolta per un mese.

Dopo aver visto il centro commerciale della Cina lottare per soddisfare i bisogni primari della sua popolazione sempre più frustrata di 25 milioni di persone, le persone a Pechino hanno accumulato cibo e rifornimenti.

I video sui social media mostravano persone che si sporgevano dalle finestre di Shanghai sbattendo pentole e padelle con rabbia, o suonando un inno di protesta dal musical Les Misérables su flauti e trombe, “Puoi sentire la gente cantare?”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Pechino spera di evitare un simile dramma agendo rapidamente.

Lunedì mattina sono iniziati i test nel distretto più popoloso del distretto di Chaoyang. Al calar della notte, le autorità hanno elencato altre 10 regioni e una zona di sviluppo economico per i test obbligatori questa settimana, per un totale di 20 milioni di persone, 16 milioni delle quali dovrebbero essere testate martedì.

Gli ordini arrivano giorni dopo la scoperta di dozzine di infezioni. Shanghai ha aspettato quasi un mese e più di 1.000 casi prima di lanciare un test in tutta la città all’inizio di aprile.

READ  Macron o Le Pen: la Francia affronta una scelta difficile per la carica di presidente

Liu Wentao, un cuoco di Pechino, si è detto preoccupato per il nuovo focolaio, ma era fiducioso che la capitale potesse gestirlo.

“I controlli contro i virus sono più forti di quanto non lo siano in altri luoghi, non credo che sarà come Shanghai”, ha detto, mentre si recava per essere testato.

Pechino ha registrato 33 nuovi casi di COVID-19 il 25 aprile, in aumento rispetto ai 19 del giorno prima senza che nessun decesso fosse stato registrato finora durante l’epidemia. Il carico di lavoro totale è piccolo rispetto alle centinaia di migliaia di Shanghai.

Shanghai ha riportato 52 nuovi decessi per coronavirus martedì, rispetto ai 51 del giorno prima. Ciò porta il bilancio ufficiale delle vittime a 190, tutte riportate dal 17 aprile in poi, anche se molti residenti hanno affermato che i loro parenti o amici erano morti dopo aver contratto il COVID all’inizio di marzo, mettendo in dubbio le statistiche.

Nella capitale restano aperte scuole, negozi e uffici, ma il famoso Tempio dei Lama sarà chiuso ai turisti da mercoledì, mentre il Teatro Nazionale di Pechino rimarrà chiuso per il resto del mese.

I funzionari hanno esortato i residenti ad astenersi dal lasciare la capitale e ad evitare assembramenti durante le imminenti festività del Labor Day dal 30 aprile al 4 maggio.

Le preoccupazioni per l’economia risuonano tra residenti, imprese e mercati finanziari, con le azioni cinesi (.CSI300)E (.SSEC) Si attarda vicino ai minimi di due anni.

“Se non possiamo andare al lavoro, non ci sarà alcun reddito”, ha detto Dewey, 31 anni, che lavorava in una piccola palestra nel distretto di Chaoyang.

È probabile che le ricadute economiche di qualsiasi chiusura a Pechino siano meno gravi che a Shanghai, il potente polo manifatturiero, un ingranaggio chiave nelle catene di approvvigionamento nazionali e globali.

“A Pechino, penso che abbia un impatto minore sulle aziende perché la maggior parte di questi lavori può essere svolto da casa”, ha detto a Reuters Jörg Woetke, presidente della Camera di commercio dell’Unione europea a Pechino.

“Ci sono meno autotrasporti, meno imballaggi e meno produzione in corso”.

L’economista di Hwabao Trust Ni Wen ha stimato che la chiusura dei gemelli Pechino e Shanghai potrebbe ridurre di un punto percentuale la produzione economica cinese nel secondo trimestre.

Ciò si aggiungerebbe ai venti contrari geopolitici e al mercato immobiliare durante un anno importante per il presidente Xi Jinping, che è ampiamente previsto che cerchi un terzo mandato.

“Le ramificazioni politiche della chiusura della capitale cinese saranno profonde”, ha affermato Yanzhong Huang, membro senior del Council on Foreign Relations, un think tank statunitense, riferendosi ai rischi per la reputazione internazionale e la stabilità sociale.

A Shanghai è proseguita l’applicazione rigorosa delle misure, ma i piani per un test PCR in tutta la città sono stati in qualche modo deragliati dalle previsioni iniziali di grandine e temporali e la classificazione è stata successivamente ridotta a condizioni nuvolose.

Mentre le autorità affermano di aver allentato alcune restrizioni, la maggior parte delle persone rimane confinata nelle proprie case o non può lasciare i propri complessi di appartamenti. Anche chi può uscire ha poche opzioni, con i negozi e la maggior parte degli altri posti chiusi.

READ  Biden e Yoon giurano di scoraggiare la Corea del Nord e fornire aiuti per combattere il virus Corona

Nelle aree in cui era consentito loro di uscire di casa, ai residenti è stato chiesto di eseguire essi stessi test antigenici rapidi, piuttosto che fare la fila per un test PCR sotto la pioggia. Nel resto di Shanghai, i test PCR giornalieri sono rimasti obbligatori.

La chiusura prolungata ha alimentato la frustrazione per la perdita di salari, la rottura della famiglia e le condizioni di quarantena, nonché l’accesso alle cure mediche e al cibo, poiché i residenti lottano per sbarazzarsi della spazzatura e svolgere le commissioni di base.

Il governo di Shanghai non ha immediatamente commentato i segnali di crescente malcontento.

I nuovi casi asintomatici o asintomatici sono leggermente diminuiti rispettivamente a 15.319 e 1.661, mentre i casi al di fuori delle aree di quarantena sono rimasti stabili a 217. Altre città che erano in blocco hanno iniziato ad allentare le restrizioni una volta che questi casi hanno raggiunto lo zero.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ulteriori segnalazioni di Eduardo Baptista, Ryan Wu, Brenda Goh, Martin Quinn Pollard, Elaine Zhang, uffici di Pechino e Shanghai; Scritto da Mario Zaccaria. Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply