Roger Federer afferma che la partita di doppio con Nadal potrebbe essere l’ultima

LONDRA – Roger Federer ha detto che una volta deciso che la sua carriera agonistica fosse finita, si trattava solo di scrivere una sceneggiatura per il finale perfetto.

Per diversi mesi, lui e le persone a lui vicine hanno mantenuto il suo segreto. Mercoledì ha detto che stava valutando la possibilità di annunciare il suo ritiro prima degli US Open, ma sapeva che non sarebbe stato presente e ha preferito “una possibilità per dire addio ai fan in modo appropriato”. Ha preso in considerazione l’idea di farlo durante il torneo, ma a quel punto Serena Williams aveva annunciato il suo ritiro. Questo significa un altro mese di attesa.

Infine, la scorsa settimana, Federer ha detto al mondo notizia: Stava per giocare una finale, alla Laver Cup di Londra questa settimana, e sarà. Mercoledì, ha detto che sarebbe uscito “felice” ma non soddisfatto e alle sue condizioni.

“Mi dispiace sempre per i giocatori che a volte si ritirano dal tour, dicono: ‘Giocherò un’altra partita’, e poi a un certo punto rimani lì”, ha detto.

Invece, Federer uscirà circondato dai giocatori, dalla famiglia, dagli amici e dai fan che hanno significato di più per lui nella sua carriera. La sua ultima partita si svolgerà venerdì, una partita di doppio di una notte e dovrebbe collaborare con il suo amico di lunga data e avversario Rafael Nadal.

“Ho pensato che fosse molto appropriato”, ha detto Federer riguardo alla fine della sua carriera a Londra, la città dove ha vinto Wimbledon con otto titoli in singolare.

Federer ha rivelato mercoledì di sapere dall’estate che la sua carriera da campione di singolare è finita, che non gli piaccia. Era passato circa un anno da quando si era riabilitato dal suo ultimo infortunio al ginocchio e sentiva che stava diventando sempre più difficile. Sapeva che la pressione avrebbe richiesto più di quanto fosse disposto a dare e probabilmente avrebbe richiesto un altro intervento chirurgico che aveva già deciso che non avrebbe accettato.

READ  TKO di Rolando Romero acquisisce Gervonta Davis sui social media

“Ad un certo punto ti siedi e vai, beh, siamo a un incrocio qui, un bivio, e devi fare una svolta”, ha detto. “Qual è il percorso?

“Non ero pronto per andare in una direzione, rischiamo tutto. Non sono pronto per quello”. Martedì, ha detto che “ha smesso di credere” che avrebbe potuto riabilitare il suo recente infortunio al ginocchio abbastanza da continuare al livello che accetta.

“Conosco i miei limiti”, ha detto Federer. Appariva rilassato e calmo con indosso una giacca blu e una maglietta da golf bianca, sembrava a suo agio con la sua decisione e in controllo delle sue emozioni – il che era molto confortante per lui, ha ammesso – ma ha ammesso di non essere nemmeno sicuro di come si sarebbe comportato .

“Ovviamente, sono nervoso all’ingresso, perché non gioco da molto tempo”, ha detto. “Spero che sia in qualche modo competitivo.”

La sua coppia con Nadal potrebbe essere la peggiore del torneo: entrambi i giocatori hanno accennato a una riforma della cosiddetta squadra di doppio di Vidal a febbraio. Quando si impegnano a giocare Nella Laver Cup, un evento in stile Ryder Cup in cui i concorrenti che rappresentano il Team Europe e il Team World Arena competono in un gioco di squadra.

Tuttavia, il desiderio di Federer di giocare solo in doppio era un problema con le regole; Le regole della competizione richiedono ai giocatori di competere in almeno una singola partita e il suo ritiro richiede l’approvazione sia dei capitani delle squadre che degli ufficiali del torneo e del tour ATP, poiché il Trofeo è un evento del Tour.

READ  Novak Djokovic conferma che salterà gli US Open a causa del caso del vaccino Covid | Novak Djokovic

Federer, che ha contribuito a creare la Laver Cup come parte del suo impero commerciale da miliardi di dollari, ha detto mercoledì di aver chiesto il permesso al capitano dell’Europa, Bjorn Borg. Quando Borg acconsentì, portarono l’idea al capitano del mondo, John McEnroe, e agli ufficiali del tour per assicurarsi che anche la sua sistemazione avesse la loro approvazione. Federer ha detto che la stella italiana Matteo Berrettini lo sostituirà nelle partite di singolare.

Alla domanda sui rapporti secondo cui stava pianificando di collaborare con Nadal per la sua ultima partita, Federer era timido sul fatto che le partite non sarebbero state confermate fino a giovedì.

“Non so se accadrà, ma penso che ovviamente potrebbe essere un momento speciale”, ha detto Federer, nella migliore delle ipotesi una bugia bianca.

I campioni sono spesso determinati dalle statistiche e da Federer Competi con qualsiasi giocatore Nella storia del tennis: 103 titoli in tournée in singolo, 20 titoli in singolo del Grande Slam, 310 settimane al numero 1. Ha vinto otto tornei di Wimbledon, altri sei in Australia e cinque agli US Open di New York, dove le sue partite hanno attirato celebrità. I suoi compagni atleti e fan di tutti i giorni sono affascinati dalla sua eleganza, equilibrio e maestria.

In un periodo al culmine della sua carriera, dall’inizio del 2004 all’ottobre 2008, Federer si è classificato al primo posto per 237 settimane di seguito. Due decenni alla guida del suo sport hanno attraversato generazioni: Federer ha sconfitto artisti del calibro di Pete Sampras e Andre Agassi da giovane professionista. Per anni ha scambiato scelte e titoli con i suoi compagni di squadra della Laver Cup, Nadal, Novak Djokovic e Andy Murray; La stella nascente del gioco, Carlos Alcaraz, il neo incoronato campione degli US Open, è stato soprannominato la scorsa settimana il suo “idolo” e “ispirazione”, ed è nato due mesi fa Federer ha vinto il suo primo major.

READ  Gli Astros hanno segnato 5 partite casalinghe nel secondo tempo contro i Red Sox

Ma mentre le sue vittorie hanno definito la sua carriera, le sconfitte di Federer hanno contribuito a umanizzarla. Si ritirerà con un record di sconfitte contro le altre due stelle della sua epoca, Nadal e Djokovic, perdendo contro di loro in due delle più grandi partite della sua carriera, contro Nadal nella finale di Wimbledon 2008 e contro Djokovic allo stesso tempo. Nel 2019 Federer aveva detenuto due match point sul servizio all’età di 37 anni ma non è riuscito a finire la sua vittoria.

A quel punto, Federer aveva imparato a controllare gli umori combustibili e le sequenze competitive che frustravano sia gli allenatori che i suoi genitori all’inizio della sua carriera, e ha diretto il suo fuoco verso una ricerca più sottile della perfezione. Le sue emozioni non erano mai lontane dalla superficie, anche se a volte si riversavano in lacrime, soprattutto all’inizio della sua carriera, in conquistare E il battiti.

Tuttavia, sarà ricordato di più perché era un grande: un pompiere che disegnava angoli e linee come artistail ballerino la cui capacità di scivolare su un singolo campo nascondeva la sua forza e precisione e faceva sembrare il tennis, e in particolare il tennis, così facile e naturale.

“Quando hai una visione di essere un campione, ti vedi vincere un campionato, forse più di una volta, ma non molte volte, o rimanere come me”, ha detto. “Questo è stato sicuramente molto speciale.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply